Foglio anarchico e libertario del gruppo Kronstadt Toscano

Contro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione!

Contro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione!

Contro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione!

L’insieme di lotte e conflitti sindacali e sociali in corso nel paese prima e durante i Mondiali di Calcio tiene sotto pressione il governo federale, alcuni governi statali, municipi e padroni, generando una guerra dei nervi nei principali centri urbani del paese.

Se l’anno scorso i protagonisti delle grandi manifestazioni furono i settori precarizzati dei giovani e non i movimenti popolari organizzati, nelle manifestazioni del 2014 si sono aggiunti i lavoratori di diverse categorie insieme a settori vicini ed espressione delle classi oppresse. Ne è un esempio la lotta dei lavoratori della metropolitana di São Paulo – i quali nei giorni scorsi hanno dovuto fare i conti con l’intransigenza di una delle più forti espressioni della destra brasiliana [cioè l’organizzazione di estrema destra cattolica Opus Dei Geraldo Alckmin/PSDB (Partido da Social Democracia Brasileira, ndt)] – vittime di una pesante repressione, delle strumentalizzazioni dei grandi mezzi di comunicazione e del licenziamento di più di 40 lavoratori. I sindacati della metropolitana proseguono nella campagna per il reintegro dei 42 licenziati. La partita più dura si sta giocando sulla pelle di questi valorosi compagni e di altre categorie attualmente in sciopero ed è per questo che ci teniamo a precisare di stare molto attenti a tutti i tentativi di criminalizzazione delle lotte.
Stato di emergenza? No, Stato di lotta e di solidarietà permanente!
A fronte della Legge Generale sulla Coppa e della Portaria de Garantia della Legge e dell’Ordine che configurano un vero e proprio stato d’emergenza in tutto il paese, si rende estremamente necessaria una solidarietà incondizionata all’interno della sinistra e dei movimenti sociali in tutte le lotte in corso e, soprattutto, per i lavoratori della metropolitana di São Paulo.

Da mesi si assiste ad un aumento della presenza militare e di polizia nei centri urbani, così come nelle periferie e nelle favelas.

Leggi tutto l’articolo al seguente link:http://www.anarkismo.net/article/27119