Foglio anarchico e libertario del gruppo Kronstadt Toscano

Ancora il sangue di Gaza

Ancora il sangue di Gaza

Speravamo di non vederlo più quell’orrore. Anzi, purtroppo lo sapevamo che lo avremmo rivisto.

Dopo l’operazione genocida “Piombo Fuso” nel 2008/2009, la pulizia etnica dell’esercito israeliano, mai cessata, si abbatte di nuovo in questi giorni sulle popolazioni palestinesi di Gaza.

Al momento della tregua raggiunta tra il governo israeliano ed Hamas siamo già a 150 morti e 1200 feriti fra i palestinesi della Striscia: bambini, donne e uomini, intere famiglie, sono state nuovamente massacrate attraverso continui bombardamenti sulla città.

I governanti israeliani, il “democratico” Obama così come i “tecnici” che governano l’Italia parlano di “diritto alla difesa d’Israele” contro i razzi lanciati da Hamas e Jihad.

I media di regime anche qui in Italia si adeguano e fanno da cassa di risonanza.

 

Noi anarchici, antimilitaristi e internazionalisti, condanniamo, come potremo non farlo, l’uccisione e il ferimento di civili israeliani da parte delle organizzazioni reazionarie palestinesi.

Ma è evidente a chiunque abbia occhi per vedere che non c’è alcuna relazione tra i razzi di Hamas e la strategia genocida permanente portata avanti dallo Stato sionista. E d’altra parte si cancella dalla pseudo informazione il carattere terrorista dello stato israeliano (già, chi si ricorda più il missile che ha ucciso il capo militare di Hamas, prima del lancio dei razzi sulle città israeliane?)

Si tratta di una strategia sterminatrice –che produce orrori su orrori – che va avanti da decenni, in nome della “Grande Israele”.

Netanyahu – come tutti gli altri capi di governo israeliani – gioca contemporaneamente due partite: una interna ed una internazionale.

In una fase di crisi capitalistica, con un aumento della disoccupazione e della precarietà anche in Israele, la guerra serve ad irreggimentare e sviare il crescente malcontento e opposizione contro il governo e rimette in moto investimenti e produzione … di morte!

D’altro canto il nuovo sterminio a Gaza serve ribadire la forza dello Stato israeliano come potenza di area, nell’ottica di competizione sub-imperialista all’ultimo sangue con l’Iran.

 

Gaza è un enorme Lager a cielo aperto dove le popolazioni inermi, periodicamente bombardate, soffrono la fame per il blocco economico senza neanche poter fuggire.

Uno stato neocolonialista occupante, con uno degli eserciti più potenti del mondo, sta scientificamente massacrando una popolazione che resiste disperatamente!

 

Il nazionalismo sionista, concentrato di razzismo e militarismo, sta continuando purtroppo a trovare ampi consensi nella maggior parte della popolazione israeliana, anche se ci sono settori sociali e politici – come gli Anarchici Contro il Muro – che si battono coraggiosamente contro di esso.

Il genocidio di Gaza va in parallelo con lo stato di apartheid in Cisgiordania.

In Cisgiordania i palestinesi vengono sempre più espulsi dai loro villaggi e territori attraverso recinzioni, check-point securitari e segregazioni di vario tipo. L’esercito che spara su chi manifesta resistenza agli espropri di terra e acqua, su chi non se ne vuole andare dalle proprie case.

I palestinesi della Cisgiordania, che lottano solidali con quelli di Gaza contro l’aggressione israeliana in corso, vengono arrestati a decine.

 

Al momento sembra esser scattata la “tregua”, ma fino a pochi giorni fa lo Stato israeliano minacciava “l’invasione di terra”, che produrrebbe mattanza su mattanza!

Ed il figlio del macellaio Sharon ha proposto di fare a Gaza come a Hiroshima e Nagasaki!!!

 

Nazisti!!!

 

L’imperialismo americano, democratico o repubblicano che sia, usa da sempre lo Stato di Israele come proprio braccio armato in Medioriente e quindi non può che essere al fianco dei massacratori.

Il vassallo italiano non è da meno. L’Italia ha firmato con lo Stato di Israele lucrosi protocolli di collaborazione nel campo della ricerca militare che furono confermati anche da D’Alema quando era Ministro degli Esteri. Con i nostri soldi il governo italiano contribuisce alla progettazione delle armi con cui si uccidono i bambini palestinesi!!!

 

BASTA CON IL SANGUINARIO MILITARISMO DELLO STATO ISRAELIANO!

BASTA PULIZIA ETNICA E APARTHEID IN PALESTINA!

 

NESSUNA FIDUCIA NELLA DIPLOMAZIA DEGLI STATI!

MOBILITAZIONE DI MASSA DAL BASSO! BOICOTTIAMO LO STATO ASSASSINO!

FACCIAMO SALTARE TUTTI GLI ACCORDI DI COLLABORAZIONE TRA GLI STATI DI ITALIA E ISRAELE

 

VITA, TERRA E LIBERTA’ PER LE POPOLAZIONI PALESTINESI!

 

Kronstadt Anarchico Toscano             Ateneo Libertario Fiorentino